sabato 24 marzo 2012

Nuovi colori – Citadel Miniatures

navigando su Facebook o trovato una bellissima recessione scritta da Durgin's paint studio. La recessione e ben curata e piena di informazioni utilissimi.  Ringrazio il Buon Durgin per il suo articolo e a voi cari lettori vi consiglio di seguire questo straordinario artista su Facebook.   Durgin's paint studio

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Squillino le trombe, cantino le muse e, per molti, svolazzino in aria i flagelli, la GW ha aggiornato la sua gamma di colori!

Parlare di aggiornamento è quasi riduttivo, guardando le novità di questa uscita. Come infatti già sapete, la gamma viene ampiamente aumentata, fino a raggiungere il ragguardevole numero di 145 no dico centoquarantacinque colori disponibili, divisi in diverse categorie, ognuna con una propria caratteristica.

Ci sono sei categorie di colori:

citadel base color (ok si chiamano solo "base", ma così è più profescional):

come prima impressione mi hanno ricordato i foundation, anche se leggermente rivisti in piccoli aspetti che secondo me possono fare la differenza: non sono ultradensi, quindi meno problemi di grumi, il colore diluito, dopo un po' che sta sulla tavolozza, non si separa in pigmento e acqua sporca, ma rimane compatto. Inoltre, ci sono più tinte disponibili, tra cui toni piuttosto vivaci che possono aiutarvi a smorzare la tipica opacità dei colori ad alta pigmentazione. Per quello che mi riguarda adoro i foundation (per i freehand sono, imho, una manna), ma so che molti non li possono nemmeno sentire nominare. In ogni caso, la linea "base" si può tranquillamente definire "una versione leggermente migliore dei foundation". Il blu che ho usato (maccrage blue..evvai mi ricordo già il nome!!) ha fatto ottima presa su una miniatura fornita dal personale del negozio che aveva un primer di base bianco piuttosto leggero, direi che s'è comportato alla grande. Ottima stesura, non ha fatto grumi, ha fatto buona presa su una miniatura che praticamente era poco più che "plastica e basta".

citadel layer color:

la categoria layer è, senza girarci troppo attorno, l'attuale gamma di citadel "normali". colori buoni, un po' meno pigmento dei vallejo, ma lì son gusti. Ci sono parecchie tinte diverse, alcune davvero splendide, specie per i metalli (i nuovi bronzi sono davvero belli), come qualità siamo quindi al livello dell'attuale (o meglio appena passata) gamma.

citadel shade paua!

la più grossa sorpresa. Come pensavo sono la versione aggiornata delle attuali lavature. Prima di tutto, NON PUZZANO! :O

gioia, giubilio, sacrificate il primo montone che vi capita, insomma, ottima notizia per chi come me non era esaltato all'idea di svegliarsi la mattina e dipingere con un profondo odore di ascella morta sotto il naso. Oltre la mia, s'intende.

Niente più devlan "vongola sudata" mud, nè leviathan "broccolo bollito" purple. Ora hanno un onesto odore di acrilico.

Seconda cosa importante, a primo utilizzo mi sembra che scorrano meglio delle lavature odierne (ok, appena pensionate) e asciughino anche prima. In definitiva, per chi come me amava le lavature, queste sono una decisa spanna sopra. Ho provato personalmente il dark nightmare qualcosa (una lavatura blu scura) e un "babudoiu" oil, o qualcosa del genere (lavatura nera), soddisfatto alla stragrande.

Citadel glaze fluo zarr:

Ed ecco i glaze. In teoria sono tinte che servono a saturare una determinata superficie del modello, o per smorzare gli stacchi di una lumeggiatura. Come consistenza ricordano gli inchiostri diluiti, e anche all'utilizzo mi sembrano..inchiostri diluiti. Sono inchiostri diluiti? boh, dall'odore direi di no. E' la lucertola? nemmeno. 

Ho potuto provare solo il glaze verde, un po' troppo fluo per i miei gusti, ma forse perchè l'ho dato direttamente su base bianca per vedere un po' l'effetto più "potente". 

Schifosi? Miracolosi?

Sono come inchiostri diluiti, oh, non è che vi dipingono la miniatura per voi! però direi che non sono male..proprio come gli inchiostri diluiti!

nota di durgin: non ho potuto provare direttamente, ma base bianca+due mani di glaze giallo+shade sepjia/marrone, così a naso, mi sa di grossa figata per tutti gli amici magli imperiali in ascolto.

citadel dry color on the beach:

Personalmente la novità che più mi ha lasciati tiepido, ma questo perchè non dipingo molto a pennello asciutto, quindi non mi servono molto. Si presentano come colori estremamente densi (sembrano colori ad olio senza olio), pieni di pigmento. Moooooooooooooooooooolto opachi, il loro unico scopo è suicidarsi sul vostro pennello da drybrush e fare il loro sporco lavoro. Per il drybrush mi sembra vadano bene anche se li ho provati poco, ma le tinte sono imho un po' troppo tenui e pastellose, non so fino a che punto serviranno molte di esse. Ho provato a diluirli per darli a velatura, non mi sono piaciuti, direi che è un loro utilizzo da scartare :\ 

insomma, pennello asciutto e stop.

citadel texture color:

colori texturizzati, utili per dare rapidamente una texture alla vostra basetta (per quelli come me che DETESTANO dare vinavil+sabbietta, e soprattutto poi spargono sabbia ovunque che sembra di essere a copacabana, ma senza ballerine discinte -pessimo, davvero pessimo-), ma non solo.. un bell'effetto "muro" lo si ottiene facilmente, per non parlare di vari effetti tipo ruggine ruvida..

insomma, sono colori che imho non sono utili solo per le basette, ma anche come "base" per effetti particolari, dal fango, all'usura sui mezzi, all'effetto ruggine etc etc.

approvati, ma con fantasia.

citadel color barattolin:

premettendo che ancora sogno un mondo in cui ogni colore è messo dentro una pratica boccetta vallejo style, questi nuovi barattolini sono i figli di quelli vecchi..un pochino più alti, e a quanto mi sembra con una chiusura più ermetica di prima.. anzi, fate attenzione perchè bisogna fare parecchia forza per chiuderli bene. 

soprattutto le lavature e i glaze, fate MOLTA attenzione che il barattolo sia davvero chiuso.

in definitiva..come sono sti nuovissimi colori citadel?

colori citadel, che aprono nuove possibilità, ma che non spalancano (ovviamente, davvero qualcuno credeva potesse essere possibile??) i cieli della gloria pittorica "plug&play".

la nuova gamma di citadel base dà diverse tinte con cui pastrocchiare, si stendono bene, prendono bene, per i freehand già sono in brodo di giuggiole. funzionano anche molto bene per dare le velature, hanno tanto pigmento, e almeno per come dipingo io trovo che siano paradossalmente adatti ad essere usati diluitissimi.

Le nuove lavature sono ottime, davvero ottime.

I texture offrono un po' di inventiva in più in formato boccetta, nessun adoratore di nurgle dovrebbe uscire dal negozio senza un paio di questi.

i layer sono gli attuali, onesti, citadel.

i dry mi lasciano a secco di elogi (ahahahahahahahaah, humor inglese, il mio preferito :D!), ma per i principianti sono manna. e poi voglio testarli nella famosa "prova della spugnetta", chi lo sa.

in definitiva non ci sono sconvolgimenti, la gamma si è aggiornata con miglioramenti e nuove prospettive.

uh, i nomi dei nuovi colori sono una figata allucinante!

bugman's glow.

no dico, BUGMAN'S GLOW.. avete bisogno di altro??

sto già studiando un sacco di metodi per ottenere il massimo da questi nuovi citadel, credo che per il fastpainting ci sia molto materiale da provare.

Ovviamente, non dimenticate che per quanto buono possa essere un colore, quello che conta è sempre la mano che dirige il pennello.

Malmostosamente vostro,

Durgin

Nessun commento:

Posta un commento